Loading...

Editoriale

Comunità, innovazione e cultura

Di Valerio Veronesi -
Di Valerio Veronesi - Presidente Cna Bologna

Sono le tre parole chiave che indicano le traiettorie per dare slancio a Cna e alle sue imprese

Nell’Assemblea Elettiva di Cna Bologna che si è svolta a Villa Zarri il 7 giugno scorso ho avuto l’onore e il piacere di essere stato confermato Presidente di Cna Bologna.

E’ stata una decisione che mi ha dato molta soddisfazione ma allo stesso tempo sono consapevole delle importanti responsabilità che questo ruolo giustamente comporta.

I quattro anni in cui sono stato Presidente Cna Bologna, dal 2013 al 2017, sono stati molto duri per le nostre imprese: artigiani e Pmi hanno lottato contro una congiuntura economica straordinariamente negativa, Cna è sempre stata al loro fianco. Oggi le difficoltà restano ma insieme a quelle ci sono anche nuove opportunità, molte imprese le stanno cogliendo grazie a Cna, i piccoli e medi imprenditori e gli artigiani stanno tornando da protagonisti sul mercato e sui media locali e nazionali. Molte nostre aziende stanno guardando positivamente al futuro e così sta facendo anche Cna, perché l’Associazione è lo specchio delle sue imprese.

Nell’intervista che ho avuto il piacere di fare sul palco di Villa Zarri ho indicato tre traiettorie che a mio giudizio potrebbero essere molto importanti per dare slancio a Cna e alle sue imprese.

La prima traiettoria è la “comunità”. Cna, le sue imprese, tutti i loro dipendenti e le loro famiglie formano una comunità di 90.000 persone, in pratica una persona su dieci nell’area metropolitana bolognese fa parte in qualche modo della comunità Cna. Per questo l’azione di Cna e delle sue imprese non può prescindere dal portare valore a questa comunità. Allo stesso tempo, così facendo, agendo nell’interesse della comunità, si possono mettere in moto leve economiche interessanti per le imprese bolognesi. In sostanza se cresce l’impresa cresce Bologna e viceversa.

Ho avuto l’onore e il piacere di essere confermato Presidente Cna Bologna. Sono consapevole delle responsabilità

Ho dato molto valore al concetto di innovazione e di “Impresa 4.0”. Che significa certamente per molte imprese utilizzare i vantaggi del piano del Governo che prende il nome “Industria 4.0”. Ma Cna questi vantaggi li declina nell’interesse di tutte le Pmi e tutti gli artigiani: per noi questi benefici possono riguardare tutte le imprese, quelle del manifatturiero certamente, ma anche quelle dei servizi, dei trasporti, dell’edilizia, tutti i nostri Associati. Perché tutte le imprese sanno e possono fare innovazione. Cna infatti queste opportunità, che sta già mettendo in campo, le propone a tutte le “Imprese 4.0”.

Infine ho sottolineato l’importanza del concetto di cultura. Che riguarda sicuramente le tante imprese che già si muovono a Bologna in questo settore significativo ed in costante crescita. Ma per Cna quello della cultura è un concetto molto esteso, che significa da un lato portare conoscenza a tutte le imprese sulle novità e le opportunità che possono aiutarle a crescere. Dall’altro significa valorizzare le culture eccellenti che le imprese bolognesi sanno produrre, facendole divenire strumento di grande attrazione turistica, che porterà sicuramente benefici a Bologna e a tutte le imprese che lavorano nell’area metropolitana bolognese.

Cna saprà sempre difendere e valorizzare il lavoro delle sue imprese, offrire loro le migliori opportunità, informarle al meglio. E’ stato il mio impegno, continuerà ad esserlo anche per i prossimi anni.

Per scrivere a Valerio Veronesi
ilpresidenterisponde@bo.cna.it